17th Florence Korea Film Fest - Festival dedicato al cinema coreano a Firenze
17th Florence Korea Film Fest - Festival dedicato al cinema coreano a Firenze

UNBOWED

Titolo Coreano:
부러진 화살
Pronuncia Originale:
Bureojin Hwasal
Titolo Italiano:
Indomito
Regista:
Anno:
2011
Durata:
100'
Nazione:
corea del sud
Formato:
dcp
Tipologia:
Colore:
colore
Lingua:
coreano
Sottotitoli:
Italiano, Inglese
Genere:
Distribuzione Internazionale:
,
Interpreti:
Ahn Sung ki, Cho Dong-in, Choi Phil-sun, Han Hyun-geun, Han Ki-joong, Han Sa-myung, Jo Duk-je, Jo Wan-gi, Jung Won-joong, Kim Eung-soo, Kim Ji-ho, Kim Ji-youn, Kim Jun-bae, Lee Choon-yun, Lee Hong-pyo, Lee Jae-hee, Lee Jung-min, Na Young-hee, Oh Dae-hwan, Park Gil-soo, Park Won-sang, Shin Jong-hun
Produttore:
Sceneggiatore:
,
Musiche:
Direttore alla Fotografia:
Edizione Festival:
Sezione Festival:
Retrospettiva
Rassegna/Retrospettiva:
Sinossi

Essendosi rifiutato di insabbiare un errore dell'università nel test d'ingresso nazionale, il professore Kim Kyoung-ho viene ingiustamente licenziato. Perde la causa per il suo reinserimento e il ricorso in appello viene respinto senza motivo. Minaccia così il giudice con una balestra pretendendo un processo equo. Per quanto Kim affermi di non averlo colpito, lo scontro tra i due si conclude con il giudice ferito. Il processo si evolve a fatica: in tribunale lo scontro è impari, ma quando il professore incontra un avvocato dai metodi poco ortodossi come Park Joon, il processo comincia ad animarsi…

Recensione Film

Film classificabile all’interno di un genere poco frequentato dal cinema coreano - il legal thriller – “Unbowed” è una parabola sul libero arbitrio e sullo sforzo umano di giungere a una verità, nonché una riflessione sul carattere arbitrario della giustizia, sui codici che ne sorreggono le leggi, e una denuncia sulla natura perversa del potere. Il film si struttura seguendo gli stilemi del genere, presentando una serie di situazioni e di personaggi fortemente tipizzati (l’avvocato ubriacone, la reporter che lo fiancheggia, la famiglia dell’accusato, la realtà carceraria), che seguono un registro narrativo capace tuttavia di tenere insieme, in maniera originale, cronaca, giallo giudiziario e dramma personale. Ahn Sung-ki appare perfetto nei panni del professore, regalando una delle interpretazioni più intense della sua carriera. Massima intesa con l’attore Park Won-sang che, nel ruolo dell’avvocato, riesce ad evitare che il suo personaggio risulti appesantito da troppi clichés.