Titolo Coreano: 시실리2km

Pronuncia Originale: Sisil-li 2km –

Titolo Italiano:   Come Acchiappare una Vergine fantasma

Regista: SHIN JEONG-WON
Anno:  2004
Cast: An Nae-sang, Byun Hee-bong, Kim Yoon-suk, Kwon Oh-jung, Lim Eun-kyung, Park Hyeok-gwon, Woo Hyeon
Soggetto Originale: Lee Chang-si
Sceneggiatore: Hwang In-ho, Lee Chang-si
Fotografia: Oh Hyun-je
Luci: Kim Yu-sin
Montaggio: Kim Du-jin
Musica: Gang Jae-hyeok
Direttore Artistico: Lee Hyeong-ju
Materiale di scena: Oh Sang-man
Costumi: Song Seon-i
Make Up: O Chang-yeol
Effetti Speciali: Kim Byeong-gi
Arti Marziali: Hong Sang-seok

Nazione: Corea del Sud

Formato Film: Lungometraggio

Durata: 103 minuti

Colore: Colore

Lingua: Coreano

Sottotitoli: Italiano, Inglese
Genere: Commedia, Thriller

Formato: 35mm
Produzione: Hanmac Films, LEE Chang-si
Distribuzione Internazionale: Showbox/Mediaplex Inc.

Sezione Festival: K-Thriller

Anno Festival: 2011

Sinossi:

Seok-tae scappa con un pugno di diamanti, bottino trafugato alla sua gang e, dopo essere finito fuori strada con la sua jeep, cerca rifugio nel “tranquillo” villaggio di Sisily, presso un gruppetto di contadini incontrati per strada. Si ritrova in poco tempo tra due fuochi: da una parte l’improvvisata banda di contadini/sciacalli, dall’altra il gangster Yang-e ed i suoi scagnozzi, tutti pronti a fargli la pelle per recuperare la refurtiva. Dalla sua Yang-e ha anche l’aiuto straordinario di una vergine fantasma, che, dopo averlo spaventato e cacciato dalla casa che infesta, ne diventa amica e complice.


Recensione Film:

Come nel suo secondo film Chaw, dove commedia e thriller si mischiano piacevolmente in modo assolutamente originale, anche in Sisily 2km Sin Jeong-won cerca di fondere due generi completamente diversi: la gangster comedy e l’horror movie. Questa volta però l’operazione non riesce del tutto e il film risulta diviso in modo troppo netto in due parti distinte: la prima ci regala momenti di genuina comicità, con un’atmosfera da black comedy che ricorda per qualità capolavori quali The Quiet Family di Kim Ji-woon, la seconda invece oscilla fra il melodramma e l’horror lasciando spesso interdetto lo spettatore con una trama che si fa via via meno consequenziale. Nell’insieme però Sisily 2km è un buon film d’esordio, con un’ottima vena comica e alcune gag davvero memorabili; la presenza poi di un grande mattatore come Im Cheng-jeong aiuta sicuramente a distinguere questo onesto lungometraggio dall’indistinta massa dei film commerciali coreani.

Relatore: Francesco Santi

Trailer: