17th Florence Korea Film Fest - Festival dedicato al cinema coreano a Firenze

MISBEHAVIOR

Titolo Coreano:
여교사
Pronuncia Originale:
Yeogyosa
Titolo Italiano:
Una Cattiva Condotta
Regista:
Anno:
2016
Durata:
96 min
Cast:
Kim Ha-Neul, Lee Won-Geun, Yu In-Young
Sceneggiatore:
Fotografia:
Musica:
Nazione:
Corea del Sud, Francia, Giappone, USA, Regno Unito
Formato:
Colore:
Colore, Bianco e Nero
Formato:
35mm, HD, DCP, Beta, 16mm, 2D, MOV
Lingua:
Inglese, Italiano, Coreano, Giapponese, Cinese, Mandarino, Francesce
Sottotitoli:
Italiano, Inglese, Tedesco, Francesce
Genere:
Formato:
35mm, HD, DCP, Beta, 16mm, 2D, MOV
Distribuzione Internazionale:
Edizione Festival:
Rassegna/Retrospettiva:
Sinossi

Hyo-joo è insegnante in una scuola superiore maschile. Per sostituire una collega andata in maternità prende in carico una nuova classe che conta tra gli allievi l’affascinante Jae-ha, un promettente ballerino di danza classica. Nella scuola prende servizio anche Hae-young, figlia del presidente del consiglio di amministrazione dell’istituto che sembra intenzionata a fare amicizia con Hyo-joo, malgrado la freddezza di quest’ultima che scopre ben presto la passione segreta che lega la giovane collega a Jae-ha.

Recensione Film

La lotta tra classi sociali tradotta in un torbido e intrigante triangolo amoroso in cui due donne più mature sono sedotte dalla grazia e dal fascino di un ragazzo.
Il giovane regista e sceneggiatore Kim Tae-Yong mette in scena un perfetto melò contemporaneo in cui lo spettatore è portato continuamente a chiedersi chi sia la vittima e chi il carnefice e dimostra di non avere timore di correre nessun rischio giocando la carta dell’imprevedibilità.
Il cast, formulato con una notevole cura a che venga esaltato ogni lato, anche il più oscuro, del carattere dei personaggi, comprende Kim Ha-Neul nel ruolo di una donna amareggiata in cerca di un’affermazione personale, che vede nella collega più giovane (che ha il bel volto seducente e malizioso di Yu In-Young (“Veteran”)) tutto ciò che non avrà e non sarà mai, Lee Won-Geun, protagonista quest’anno anche di “The Net” di Kim Ki-Duk, efficace nei panni di un giovane uomo che benché già fin troppo consapevole del proprio potere seduttivo non è ancora del tutto immune dall’ingenuità di un innamoramento disinteressato.