Titolo Coreano: 추격자

Pronuncia Originale: Chu-gyuck-ja

Titolo Italiano:   Il Segugio

Regista: NA HONG-JIN
Anno:  2008
Cast: Choe Jeong-u, Gu Bon-ung, HA Jung-woo, Jeong In-gi, Min Kyoung-jin, Park Hyo-ju, Seo Yeong-hee
Sceneggiatore: Na Hong-jin
Fotografia: Lee Seong-je
Luci: Lee Cheol-o
Montaggio: Kim Sun-min
Musica: Kim Joon-seok
Costumi: Chae Gyeong-hwa
Make Up: Sin Yeon-jeong
Audio: Choi Tea-young
Effetti Speciali: Jeon Geon-ik
Arti Marziali: Yu Sang-seop

Nazione: Corea del Sud

Colore: Colore

Lingua: Coreano

Sottotitoli: Italiano, Inglese
Genere: Azione, Thriller

Formato: 35mm
Produzione: Bidangil Pictures, Kim Su-jin
Distribuzione Internazionale: Showbox/Mediaplex Inc.

Sezione Festival: Orizzonti Coreani

Anno Festival: 2010, 2018

Sinossi:

Le ragazze di Jung-ho, protettore con una carriera di poliziotto alle spalle, iniziano a sparire dalla circolazione una ad una. Messo alle strette, Jung-ho contatta Mi-jin, una delle ultime ancora reperibili, e la invia da un cliente misterioso. Una serie di coincidenze e l’incapacità di rintracciare la ragazza insospettiscono Jung-ho, che si mette sulle tracce della coppia. Da qui ha origine una caccia sempre sul filo del rasoio, con colpi di scena ed incontri inaspettati all’insegna dell’alta tensione.
——–
Eom Joong-ho, un tempo detective, si è messo in affari gestendo un giro di prostitute. Quando alcune delle sue dipendenti iniziano a sparire misteriosamente egli ritiene che possano essere state vendute. La realtà però è molto più agghiacciante perché le ragazze sono state tutte rapite e uccise da uno spietato serial killer. A Eom Joong-ho non resta che tentare di salvare almeno l’ultima scomparsa, la giovane madre Kim Mi-jin.


Recensione Film:

A dispetto della sua condizione di “opera prima” The Chaser dà prova di una notevole maturità registica e di scrittura. Nonostante poi alcuni riferimenti espliciti al luogo d’ambientazione, come la critica mirata nei confronti dell’inefficienza della polizia coreana, il film di Na Hong-jin esibisce un certo respiro internazionale, alla stregua di altre buone prove di thriller statunitensi. The Chaser dimostra di aver metabolizzato la lezione di pellicole come Seven o Saw, dosando la tensione secondo i dettami del genere, ed innestandola di sfumature horror ed elementi pulp. Narrativamente The Chaser scorre su un doppio binario: è sì una corsa contro il tempo per salvare una vita, ma è anche un parallelo percorso di riemersione per un Jung-ho che, passato per disillusione da una condotta ligia ad una vita d’illegalità, vede rinascere in sé un sentimento di giustizia forte e tenace come reazione al colpevole immobilismo delle autorità costituite. Il pessimismo di cui il film è intriso schiaccia questo aspetto positivo, prevaricandolo e dando al film un retrogusto amaro e disincantato, in linea con lo sgomento suscitato in Corea per i fatti realmente accaduti dai quali The Chaser prende spunto.
————–
Un sociopatico che non è capace di provare nessun rimorso, ma solo di perpetuare verso i più deboli,una folle crudeltà senza limiti in una vicenda in cui già quasi tutti i personaggi appaiono privi di buoni sentimenti e moralità. È ancora impegnato a costruirsi una solida carriera Ha Jung-woo, quando nel 2008 si trova a interpretare il serial killer di prostitute Ji Young-min, ruolo che lo consacrerà definitivamente, con il favore di critica e di pubblico, come uno dei più promettenti e versatili giovani interpreti sudcoreani. Una performance estremamente fisica e brutale che rivela tutta la formidabile presenza scenica di quest’interprete e che da sola è in grado di far assumere al già perfetto thriller “The Chaser” dei toni da horror slasher. A dividere con lui la scena un formidabile Kim Yun-seok (Haemoo) che Ha Jung-woo ritroverà, insieme al regista Na Hong-jin, solo due anni dopo in “The Yellow Sea”.


Trailer: