17th Florence Korea Film Fest - Festival dedicato al cinema coreano a Firenze
17th Florence Korea Film Fest - Festival dedicato al cinema coreano a Firenze

AS ONE

Titolo Coreano:
코리아
Pronuncia Originale:
Ko-ri-a
Titolo Italiano:
Korea
Regista:
Anno:
2012
Durata:
127 min
Nazione:
corea del sud
Formato:
dcp
Tipologia:
Colore:
colore
Lingua:
coreano
Sottotitoli:
Italiano, Inglese
Genere:
Distribuzione Internazionale:
Interpreti:
Bae Doo-na, Ha Ji-won
Sceneggiatore:
,
Musiche:
Direttore alla Fotografia:
Sezione Festival:
Orizzonti Coreani
Sinossi

Per far fronte alla crisi internazionale tra le due Coree, durante un summit le due parti giungono all’accordo di unificare la nazionale di Tennis da tavolo in un'unica nazione, KOREA, per i mondiali di Chiba nel 1991. Tratto dalla storia vera di questa temporanea unificazione il film racconta il rapporto tra le due sportive (Ha Ji-won e Bae-doo-na) e i loro team.

Recensione Film

I film sportivi potrebbero essere considerati tutti uguali, e li si contraddistingue più che per lo stile di regia per la narrazione e la costruzione dei rapporti tra i personaggi che per la storia in se, ed è qui che Moon Hyun-sung fa un ottimo lavoro con la sua opera prima; “As One”. Le migliori giocatrici femminili della Corea del Sud (Ha Ji-won) e della Corea del Nord (Bae-doo-na), in precedenza feroci avversari, vengono costrette ad unire le forze per formare un’unica squadra. All'inizio le differenze di idee sia sportive che personali non riescono a trovare un punto d’incontro, ma col tempo e durante la gara arrivano a rendersi conto che il loro sport significa per loro più della politica; Moon Hyun-sung investe, quindi più sul messaggio politico d’unità che sul gioco stesso, prediligendo una ripresa dall'alto dei giocatori e del tavolo che cattura la geometria del gioco ma non la sua velocità. Le due attrici protagoniste hanno preso per mesi lezioni di Ping Pong dalla vera Hyun Jung-hwa, che nel film prende il volto di Ha Ji-won, considerata ancora oggi la regina coreana del Tennis da Tavolo. Bae-doo-na ha dovuto imparare a giocare con entrambe le mani per poter giocare come la vera giocatrice nordcoreana.