17th Florence Korea Film Fest - Festival dedicato al cinema coreano a Firenze
17th Florence Korea Film Fest - Festival dedicato al cinema coreano a Firenze

OUR JOYFUL YOUNG DAYS

Titolo Coreano:
기쁜 우리 젊은 날
Pronuncia Originale:
Gippeun Wuri Jeolmeun-nal
Titolo Italiano:
La Nostra Felice Gioventù
Regista:
Anno:
1987
Durata:
130'
Nazione:
corea del sud
Formato:
35mm
Tipologia:
Colore:
colore
Lingua:
coreano
Sottotitoli:
Italiano, Inglese
Genere:
Produzione:
Distribuzione Internazionale:
Interpreti:
Ahn Sung ki, Choi Bool-am, Hwang Cine
Sceneggiatore:
,
Musiche:
Direttore alla Fotografia:
Edizione Festival:
Sezione Festival:
Retrospettiva
Rassegna/Retrospettiva:
Sinossi

Il giovane e impacciato Kim Young-min ama segretamente Hye-rin, una studentessa con cui condivide la passione per il teatro. Decide perciò di dichiararsi, ma la ragazza si sposa con un dottore ed emigra a New York. Anni dopo Young-min lavora come impiegato e non ha ancora smesso di pensare alla ragazza dei suoi sogni. Un giorno si imbatte in Hye-rin in metropolitana, scoprendo così che ha divorziato. Lentamente riesce a riavvicinarsi a lei, fino a convincerla della sincerità dei suoi sentimenti.

Recensione Film

Tra i melodrammi intimisti più toccanti ed esemplari del cinema coreano degli anni Ottanta, il film di Bae Chang-ho è un piccolo gioiello fatto di sguardi, atmosfere, sentimenti, retto da una scrittura puntuale ed asciutta, capace di toccare le corde dell’emozione con delicatezza e sensibilità. In una vicenda che racconta il perdersi e il ritrovarsi di un uomo e di una donna smarriti nella vastità urbana di un mondo che solo il destino sembra capace di limitare, la sensibilità dei due interpreti principali gioca un ruolo fondamentale nella loro resa espressiva e vengono così segnati da un continuo senso di vuoto (da riempire). In tal senso Ahn Sung-ki si confronta con una recitazione misurata, capace di interiorizzare i sentimenti, salvo poi schiuderli pian piano, soprattutto nella seconda parte del film, quando la storia d’amore prende la strada di un suo (possibile) compimento. Superfluo sottolineare come l’intesa di Ahn Sung-ki con l’attrice Hwang Cine sia perfetta.