17th Florence Korea Film Fest - Festival dedicato al cinema coreano a Firenze
17th Florence Korea Film Fest - Festival dedicato al cinema coreano a Firenze

ONE FINE SPRING DAY

Titolo Coreano:
봄날은 간다
Pronuncia Originale:
Bom-nal-eun Gan-da
Titolo Italiano:
Un Bel Giorno di Primavera
Regista:
Anno:
2010
Durata:
106 minuti
Nazione:
corea del sud
Formato:
35mm
Tipologia:
Colore:
colore
Lingua:
coreano
Sottotitoli:
Italiano, Inglese
Distribuzione Internazionale:
Interpreti:
Baek Jong-hak, Baek Seong-hui, Lee Mun-sik, Lee Young-ae, Park In-hwan, Sin Sin-ae, Son Young-soon
Musiche:
Direttore alla Fotografia:
Montaggio:
Direttore Artistico:
Direttore delle Luci:
Costumista:
Edizione Festival:
Sezione Festival:
Retrospettiva
Rassegna/Retrospettiva:
Sinossi

Sang-woo è un ingegnere del suono e abita a Seul insieme al padre, alla zia e alla nonna, che soffre di Alzheimer. Un giorno incontra Eun-soo, annunciatrice e produttrice di un’emittente radiofonica locale. Durante i viaggi che compiono insieme per registrare i suoni della natura, i due si avvicinano sempre di più, fino a innamorarsi. Con il passare dei mesi però il loro rapporto va in crisi. Quando Sang-woo propone a Eun-soo di farle conoscere suo padre, la ragazza si rifiuta e da quel momento il loro rapporto cambia per sempre. L’amore, che lui crede eterno, può mutare come le stagioni?

Recensione Film

Il secondo film di Hur Jin-ho si inserisce nel solco di quello precedente, ampliando la ricerca poetica e stilistica del regista coreano sugli spunti drammatici che continuano a caratterizzare la sua opera: le difficoltà del rapporto amoroso, lo scorrere inesorabile del tempo, il valore della memoria. In One Fine Spring Day la storia d’amore tra Sang-woo ed Eun-soo si sviluppa nella prima parte del film secondo uno schema semplicissimo, che viene puntualmente rovesciato nella seconda: basta un avvenimento di scarsa importanza per mettere in crisi un rapporto che sembrava destinato a durare; nell’impossibilità di ritornare alla situazione precedente, Sang-woo cerca un riparo nel tempo appena passato. La persistenza dei sentimenti si lega così inesorabilmente all’aspetto più struggente della memoria: da una parte le registrazioni sonore della natura, dall’altra il personaggio della nonna (che aspetta ogni giorno alla stazione il ritorno del marito scomparso) contribuiscono a creare un tessuto di “tracce” emotive senza le quali non esisterebbe il ricordo.